Home » Colli Euganei » Natura e Territorio » Funghi » Velenosi » Agaricus xanthodermus

Agaricus xanthodermus

AGARICUS XANTHODERMUS

Cappello: 5-10 cm. all’inizio emisferico, poi più aperto, di colore grigio-brunastro, presenta delle squame grossolane, separate nettamente da screpolature biancastre.
Lamelle: poco spaziate, all’inizio biancastre, poi a maturazione delle spore rosa-porpora scuro, con il filo più chiaro, sterile.
Gambo:  6-8  x  1-1,5  cm.  cilindrico,  liscio,  con  base  leggermente  bulbosa,  ingiallente  allo sfregamento, possiede un anello supero, ampio, biancastro, che tende ad ingiallire, avente delle piccole squame più scure nella parte inferiore.
Carne: biancastra,  ma giallo-cromo alla base del gambo, odore di inchiostro.
Spore: 5-6,5 x 4-4,5 micron, ovoidali, lisce, con parete spessa. Sporata: bruno-porpora.
Habitat:  cresce  nei  parchi,  sia  sotto  latifoglia  che  conifera  (cedri).  Località:  è  stato  trovato recentemente a Monselice nei pressi della “Rocca” sotto cedri.
Commestibilià: tossico, provoca sindrome gastroenterica.
Osservazioni: è un fungo molto raro trovato una sola volta nell’area dei Colli Euganei, ma con un numero rilevante di carpofori,  (circa una trentina di esemplari) sotto alberi di cedro. Caratteristico il subitaneo e intenso viraggio della carne verso il giallo-cromo, soprattutto alla base del gambo, poi il tipico  odore  di  inchiostro  comune  a  tutte  le  specie  di  Agaricus  appartenenti  alla  sezione Xanthodermatei.

I Funghi, in Gastone Cusin, Giancarlo Zanovello (a cura di), I Funghi dei Colli Euganei, 2012.
Testo e Foto di proprietà del Gruppo Micologico Naturalistico Culturale di Monselice e Teolo, per loro gentile concessione.