Vivere e Scoprire i Colli Euganei

Cucina Veneta in Euganeamente | Colli Euganei Rss

Il Profumo del Benessere

  Il Profumo del Benessere La pianta di lavanda o lavandula, con il suo intenso profumo ed il suo terapico colore è tradizionalmente usata per detergere il corpo, come cosmetico e medicinale oltre che come erba sacra e portafortuna. Il suo utilizzo come infuso o come tisana è raccomandato in casi di ansia, nausea, raffreddore,…

0 0

Torta Piselli e Menta peperita

  I  piselli, oltre ad essere un ottimo ingrediente per la preparazione di primi e secondi piatti, si rivelano particolarmente adatti a preparazioni dolci, insolite e gustose… ed anche per la cura e la bellezza del corpo! Grazie alle loro proprietà tonificanti, detergenti e rigeneranti sono utilissimi alla nostra pelle, soprattutto per liberare i pori…

0 0

Le piante medicinali

La natura, anche se purtroppo gravemente bistrattata dai più “svariati insulti”, ci propone ancora cose buone. In primavera i sottoboschi e i prati continuano a fiorire, possiamo raccogliere (sempre scegliendo il più possibile i luoghi meno inquinati) erbe selvatiche commestibili e soprattutto come facevano le “vecchie nonne” in passato, le buone erbe della salute, le…

0 0

Gnocchi all’Ortica in salsa di Luppolo

Gnocchi all’Ortica in salsa di Luppolo Una delle prime piante che nella nostra infanzia impariamo a riconoscere è sicuramente l’ortica o Urtica. Chi non ha mai provato un calore bruciante a gambe, braccia o ginocchia, mentre giocava da bambino nei campi e nei parchi? Dopo queste prime “urticanti” esperienze, impariamo però che le ortiche non…

0 0

Pasta e Fagioli

Pasta e Fagioli La pasta e fagioli è una ricetta che rappresenta in modo completo la tradizionale cucina contadina del territorio euganeo, che un tempo era basata principalmente sul consumo di prodotti stagionali “di casa” coltivati nell’orto, accompagnati (chi se lo poteva permettere) da “vino decasa” e olio di oliva, mentre una volta a settimana…

0 0

Poènta e Renga

Poènta e Renga RENGA DE’ NA VOLTA “a i me tempi se magnava quatro fete de polenta brustolà e na renga pica via in meso o sora la tola… ma solo par pociare! Parchè, finìa la polenta, la mama fasea sparire ea renga che, co’ na scaldadina e do giosse de oio, ea giovava ancora. E vanti cussì più…