Home » EnoTavola » Prodotti Tipici Colli Euganei » Ciliegie dei Colli Euganei

Ciliegie dei Colli Euganei

Ciliegie Sciroppate

I Tesori Rossi
dei Colli Euganei

In Veneto, una delle regioni italiane con la maggiore produzione di ciliegie, se ne conoscono di diverse qualità, che vanno dalle durone di Cazzano a quelle di Marostica, da quelle dei Colli Asolani e Veronesi a quelle dei nostri Colli Euganei. Queste ultime sono prodotte nella zona di origine da secoli. Fino a circa 30 anni fa esistevano ben due importanti mercati di ciliegie, uno ubicato a Zovon di Vò e l’altro a Boccon di Vò, specializzati rispettivamente per le varietà precoci e per le varietà tardive. Cessata l’attività dei mercati, i produttori locali hanno iniziato a promuovere una serie di manifestazioni che attualmente passano sotto il nome di “Festa della ciliegia” che si tiene ogni anno nel mese di giugno.

Le ciliegie dei Colli Euganei possono essere gustate appena raccolte al naturale o aggiunte alle macedonie, gelati e budini.  Sono inoltre un ottimo ingrediente per la preparazione di dolci al cucchiaio e crostate con confettura. Essendo molto dolci, le ciliegie dei Colli vengono utilizzate in cucina  per marmellate, sciroppi e liquori come il maraschino o cherry.

Marmellata di Ciliegie

Le ciliegie sono povere di calorie. Possiedono notevoli impieghi terapeutici, perchè proteggono il cuore e hanno effetti antidolorifici.  Sono anche utili alla riduzione dell’ipertensione, nel facilitare le funzioni intestinali e nel favorire la diuresi. La ciliegia è ricca di tannino e sali minerali come il calcio, il fosforo, il potassio e il ferro e contiene molte vitamine soprattutto del gruppo A e C.
Per gli appassionati della tintarella, le ciliegie dei Colli aiutano l’abbronzatura della pelle e ne prevengono l’invecchiamento!!

Esistono principalmente due tipi di ciliegie sui Colli Euganei:

– IL DURONE: è un tipo di ciliegia molto pregiato, a detta di molti il migliore; presenta una polpa dura e compatta dal gusto particolarmente dolce e gustosa, colore scuro e grosse dimensioni. Matura a fine giugno. La forma è sferoidale, di misura media, la buccia assume una colorazione rosso scuro, la polpa è rosa, consistente, succosa, aderente al nocciolo, con il peduncolo curvo e il nocciolo di dimensioni medie.  Sono squisite appena raccolte, senza necessariamente lavorarle in cucina per la produzione di confetture e marmellate.

Duroni

– LE MARASCHE: parenti strette di ciliegie e duroni, le marasche rientrano nella categoria delle ciliegie definite ‘acide’, dal punto di vista botanico sono specie differenti, le marasche appartengono infatti al Prunus Cerasus, al contrario delle ciliegie dolci appartenenti alla specie Prunus Avium. Il loro sapore acidulo rende il consumo fresco non molto gradito e quindi poco diffuso, le marasche vengono prevalentemente usate in cucina, nella preparazioni di dolci, marmellate, sciroppi e soprattutto un ottimo liquore molto famoso, il maraschino.
Le marasche contengono buone quantità di vitamine A e C , potassio, fibre, calcio e fosforo. Non contengono molte calorie e neanche un’abbondante presenza di zucchero. Ha proprietà diuretiche ed antiuriche, può aiutare in caso di disturbi per artriti, problemi renali o gotta, può avere azione lassativa in maniera moderata ed aiuta a prevenire i radicali liberi, grazie all’azione dei flavonidi.

Marasche