Home » Colli Euganei » Natura e Territorio » Funghi » Commestibili » Colombina rosata

Colombina rosata

RUSSULA VESCA

N.V. Colombina rosata

Cappello: 6-12 cm. subgloboso, poi convesso, infine piano, depresso al centro, compatto, ma anche fragile, cuticola umida, rugosetta, asportabile per 1/3, il margine è molto esile e rientrato, tanto da far notare i segmenti delle lamelle, il colore è molto variabile dal rosa carnicino, al bruno rossastro, al grigio porpora, più scuro al centro.
Lamelle:  molto  fitte,  più  sottili  e  basse  verso  il  gambo,  attenuato-decorrenti,  fragili,  hanno  una biforcazione a collarino in prossimità del gambo, inizialmente bianche, poi crema pallido, che con l’età si macchiano di bruno-rossastro.
Gambo: 3-8 x 1-3 cm. pieno, sodo, poi spugnoso, cilindrico, anche ricurvo, più attenuato in basso, pruinoso, di colore bianco, che a maturazione si macchia di ocra ruggine.
Carne: compatta, poi più tenera, fragile, color bianco carnicino sul cappello, all’aria e al taglio si colora di bruno ocra sul gambo, odore gradevole, sapore dolce, come di nocciola.
Spore: 6-8 x 5-6,5 micron, ovoidali, verrucose. Sporata: bianca.
Habitat: cresce nei boschi di latifoglia, specialmente Castagno, da maggio a dicembre. Località: Monte Grande, Monte della Madonna, Monte Venda, Monte Altore, Monte Ricco, ecc.
Commestibilità: commestibile buona, da giovane anche cruda in insalata.
Osservazioni: questo è un fungo molto comune nei “nostri boschi” lo troviamo sin dalla primavera anche con numerosi esemplari, si può confondere con la Russula cyanoxantha per la consistenza della carne e la pigmentazione sotto la cuticola del cappello, ma non ha le lamelle grasse di consistenza ceracea. Inoltre negli esemplari maturi la cuticola si ritrae lasciando al margine i segmenti delle lamelle molto pronunciati, è un fungo molto buono e ricercato viene considerato una delle migliori russule commestibili.

I Funghi, in Gastone Cusin, Giancarlo Zanovello (a cura di), I Funghi dei Colli Euganei, 2012.
Testo e Foto di proprietà del Gruppo Micologico Naturalistico Culturale di Monselice e Teolo, per loro gentile concessione.