Home » Colli Euganei » Natura e Territorio » Funghi » Velenosi » Inocybe rimosa

Inocybe rimosa

INOCYBE RIMOSA

Sinonimi: Inocybe fastigiata

Cappello: 4-7 cm. conico, campanulato, poi più aperto, con un umbone molto pronunciato, cuticola asciutta sericea tutta rivestita da fibrille setose radiali innate di color marrone cannella, ocra giallino, bruno rossastro al centro margine arrotondato aperto e rivolto verso l’alto tutto scanalato pettinato quasi fino al centro fessurato radialmente
Lamelle:  non  molto  fitte  con  lamellule  ineguali,  quasi  libere  al  gambo,  di  color  prima  olivastro verdognolo, poi a maturità ocra brunastre, con il filo ondulato biancastro.
Gambo: 6-10 x 0,5-1 cm. slanciato, cilindrico, attenuato in alto, ingrossato alla base, però mai bulboso, fibrilloso, bianco, brunastro, ricoperto da una fioccosità pruinosa.  
Carne: soda, compatta, fibrosa, nel gambo biancastra, odore spermatico, sapore disgustoso.
Spore:  9-14 x-6,5-8,5 micron, ellissoidali, lisce. Sporata: bruno-ulivacea.
Habitat: cresce nei boschi di latifoglia lungo i sentieri, località: Monte Ricco, Monte Rusta, Monte Cero, Monte Oliveto, Monte Grande, “Passo delle Fiorine”.
Commestibilità: è una specie velenosa.
Osservazioni: è un fungo comune dei “nostri colli”, cresce sin dalla primavera, facile da individuare nei luoghi luminosi e lungo i sentieri, singolo o in pochi esemplari, da giovane ha la forma conica poi aperta,  ma  porterà  sempre  un  cappello  fibrillato  e  fessurato  radialmente  con  una  fiocchettatura biancastra sul gambo, con queste caratteristiche è facile riconoscerlo. E’ successo però che qualcuno,
quando il fungo era allo stadio giovane, l’ha raccolto assieme all’Armillaria mellea, il chiodino, ricordo di  aver  trovato  più  volte  nei  cestini  da  esaminare  anche  più  di  un  esemplare  di  questa  specie. Attenzione perché si tratta di un fungo molto tossico.

I Funghi, in Gastone Cusin, Giancarlo Zanovello (a cura di), I Funghi dei Colli Euganei, 2012.
Testo e Foto di proprietà del Gruppo Micologico Naturalistico Culturale di Monselice e Teolo, per loro gentile concessione.