Home » EnoTavola » Prodotti Tipici Colli Euganei » La tradizione delle Giuggiole ad Arquà Petrarca

La tradizione delle Giuggiole ad Arquà Petrarca

Il Giuggiolo

La tradizione delle Giuggiole ad Arquà Petrarca
Seconda e terza domenica di ottobre

Passeggiando nell’antico Borgo di Arquà Petrarca restiamo sicuramente affascinati dalla sua bellezza architettonica e piacevolmente stupiti nello scoprire un luogo di quiete e pace incastonato nel verde dei Colli Euganei, ma quello che più ci sorprende è scorgere in ogni giardino un Giuggiolo, albero insolito e curioso che trova qui la sua dimora ideale.
Il terreno, formato da un substrato calcareo ed il particolare microclima dei versanti collinari del Monte Ventolone e del Monte Castello, sin dall’epoca romana hanno favorito in maniera straordinaria lo sviluppo della coltivazione dello Ziziphus, sino a trasformarlo in un prodotto locale d’eccellenza, in grado di valorizzare il territorio e mantenere viva la grande tradizione enogastronomica euganea.
I suoi rami, contorti e spinosi, da inizio estate a fine autunno si ricoprono di Giuggiole, preziosi e deliziosi frutti, che quando non sono ancora maturi si presentano di un bel verde brillante, sodi, dal sapore asprigno; mentre nel procedere della maturazione assumono un colore brunastro ed il gusto diviene dolcissimo.
Francesco Petrarca è il primo cantore di questo straordinario frutto, da cui si ottiene un pregiato e prelibato distillato. Chi non ricorda di aver detto “sono andato in brodo di giuggiole?”, espressione usata per delineare uno stato intenso di euforia che sconvolge la mente, come la sensazione che si prova alla bontà del gustare le Giuggiole di Arquà Petrarca.
Anche se molto rare e difficili da trovare nel resto d’Italia, nelle tavole degli Euganei sono sempre state presenti: utilizzate fresche o secche, in decotto come rimedio invernale contro le malattie dell’apparato respiratorio (hanno un altissimo contenuto di vitamina C ed elevate proprietà espettoranti), dalle donne “al Filò” durante le lunghe notti invernali, ma soprattutto sono lavorate per preparare distillati, liquori, marmellate, confetture, gelatine e zaèti che ad Arquà Petrarca si presentano come prodotti unici e ricercatissimi.

Una festa golosa nel Borgo del Poeta
La seconda e terza domenica di Ottobre, due giornate interamente dedicate alla celebrazione e degustazione delle Giuggiole.
Nella splendida cornice di Arquà Petrarca il visitatore sarà accolto dalla calorosa e simpatica ospitalità dei suoi abitanti, che lo trasporteranno in un clima di musica, danze e tradizioni locali, in cui potrà assaporare l’unicità e la genuinità dei prodotti tipici locali.

Info
Comune di Arquà Petrarca
Tel. 0429 777100