Home » Colli Euganei » Cucina Veneta » Poènta e Renga

Poènta e Renga

Arringhe

Poènta e Renga

RENGA DE’ NA VOLTA
“a i me tempi se magnava quatro fete de polenta brustolà e na renga pica via in meso o sora la tola… ma solo par pociare! Parchè, finìa la polenta, la mama fasea sparire ea renga che, co’ na scaldadina e do giosse de oio, ea giovava ancora.
E vanti cussì più che se podèa…”


Ingredienti per 4 persone

1 aringa sotto sale
1 lt. latte fresco
alloro
Olio Extra Vergine
dei Colli Euganei
farina di mais
acqua
sale e pepe

Preparazione

Acquistate un’aringa, meglio se conservata sotto sale e leggermente affumicata. Preferite i pesci con l’addome leggermente gonfio, dovuto alla presenza delle sacche ovariche (renga coi ovi) o delle sacche spermatiche (renga col latte). Togliete i residui di sale, ponetela in un recipiente e ricopritela con un litro di latte. Lasciate riposare 12 ore, così da togliere un poco il forte sentore di sale. Togliete il pesce dall’ammollo e spennellatelo con olio ed alloro. Mettetelo sulla griglia rovente o su una piastra (il risultato è migliore se si cucina con braci di legno) per circa 5 minuti per lato. La cottura dipende molto dalle dimensioni dell’aringa. Quando si sarà raffreddato togliete la pelle e la testa e ponete i filetti del pesce in una ciotola molto capiente. Coprite la “renga” con abbondante Olio Extra Vergine di Oliva dei Colli Euganei e lasciate risposare per almeno 4 ore. Servite il piatto freddo, accompagnato dalla polenta molto abbrustolita. L’aringa, se ben ricoperta di olio, si può conservare in frigorifero per alcune settimane, ed il suo sapore diviene di giorno in giorno più delicato ed amabile.