Home » Colli Euganei » Natura e Territorio » Flora » Taraxacum Officinale o meglio… Pissacani

Taraxacum Officinale o meglio… Pissacani

tarassacoTarassaco

Il Tarassaco è comune il tutto il territorio dei Colli Euganei, cresce nei prati, nelle radure, nei terreni marginali, ama i terreni pesanti e freschi ma non disdegna altri areali anche siccitosi. Attira l’attenzione con i suoi fiori giallo oro che poi si trasformano in globi bianchi , depositi sferici di veri e propri paracaduti atti a trasportare i semi. Il fusto del fiore è stato da sempre oggetto di gioco per i bambini, che con la filastrocca adeguata lo trasformavano in spiritose trombette. Il termine brusa-oci sta ad indicare che il lattice contenuto nella pianta irrita gli occhi, l’altro termine pissacan sta ad indicare come la pianta si trovi, come si suol dire in veneto, ad ogni pissada de can.

Il Tarassaco ha proprietà diuretiche ed antiossidanti, oltre che essere ricco di vitamina A.  Viene da sempre considerato un ottimo rimedio contro ogni malanno. Una cura a base di Tarassaco, in primavera, permette di liberare l’organismo da tutte le scorie accumulate durante l’inverno: depura il sangue, stimola il fegato e le funzioni digestive, agevolando gli scambi cellulari.
Viene usato prevalentemente lessato e passato in padella con aglio e pancetta a cubetti. I bottoni dei fiori possono essere messi sottoaceto, e usati per insalate verdi o come accompagnamento alle carni lessate.

Nome comune: Tarassaco
Nome Volgare: Pissacani, Brusa-oci, Soffioni
Habitat: prati, giardini, argini…
Parti Usate: rosette basali, capolini chiusi e i fiori
Raccolta: inizio primavera