Home » Colli Euganei » Media Partner » Vertigo Works, Soluzioni in Fune e Rigginn per Eventi, Spettacoli e Scenografie Aeree

Vertigo Works, Soluzioni in Fune e Rigginn per Eventi, Spettacoli e Scenografie Aeree

Vertigo-Works

Soluzioni in Fune e Rigginn per Eventi,
Spettacoli e Scenografie Aeree

Succede a volte che qualcuno chieda ad Alberto Barbirato «ma che lavoro fai?» Quando il titolare di Vertigo Work risponde «lavori in fune», si nota negli gli occhi delle persone curiosità ma anche smarrimento e incomprensione. Ciò è dovuto al fatto che questo tipo di “lavoro” ancora oggi è poco conosciuto alla maggioranza, ma anche perché non sarebbe corretto chiamarlo “lavoro”, più precisamente è una “tecnica di lavoro”. Il lavoratore in fune utilizza le corde per raggiungere luoghi in cui normalmente sarebbe difficile, impossibile o molto sconveniente arrivare in altri modi e con altri sistemi, poi però “il cosa faccia” in quei luoghi è impossibile da prevedere. Attraverso le funi si può accedere ad un sito per pulire, dipingere, rompere, aggiustare, fissare, installare, tagliare, appendere e per molte altre mansioni. Quindi si può intuire che il lavoro in fune è una tecnica che può essere impiegata per realizzare in sicurezza moltissimi lavori. Oltre a lavori di manutenzione, c’è una particolarità che si può realizzare attraverso le funi: la creazione di eventi scenici e scenografici particolari per eventi e manifestazioni. Alberto, attraverso la sua esperienza è riuscito a realizzare la discesa di Babbo Natale da una torre, il volo della Colombina a carnevale lungo una piazza storica, il ballo di artisti su pareti verticali o in sospensione in aria. Il mondo del rigging (letteralmente “apprendimento” o “legatura con funi”) è strettamente legato a questo genere di attività che consiste nell’attività di installare in altezza una serie di “punti di apprendimento” (in gergo tecnico) su cui poi andranno ancorati i motori che solleveranno tutto il sistema di luci, audio ed altre parti necessarie per creare la scenografia di un evento. Spesso tale attività può essere realizzata con l’utilizzo di piattaforme di lavoro elevabili o ponteggi ma, a volte, per raggiungere i luoghi più difficoltosi si deve ricorrere alla tecnica del lavoro in quota o del lavoro in fune. Ancora una volta l’uso sapiente delle funi permette di risolvere situazioni altrimenti molto complesse e dispendiose oltre a creare eventi dall’indubbia spettacolarità e fascino.

 

Canna Fumaria e Stufe
è Tempo di Pulizie in Totale Sicurezza!

Caminetti, stufe a legna o stufe a pellets sono esteticamente bellissimi, suggestivi e sempre più diffusi nelle nostre case, tuttavia per poterne usufruire ogni anno al meglio è opportuno che vengano costantemente effettuate alcune preziose manutenzioni.

La pulizia della canna fumaria, oltre a migliorarne la resa nel tempo, evita che si verifichino situazioni di pericolo, come incendi causati dall’autocombustione di fuliggine di canne fumarie prive di manutenzione.

La frequenza con cui effettuare la pulizia della canna fumaria dipende da molti fattori (tipologia di combustibile, materiale costituente la canna fumaria, frequenza di utilizzo, ecc.) ma mediamente si consiglia, per non sbagliare, di effettuarla una volta all’anno.

Come facilmente si può intuire, il miglior intervento di pulizia della canna fumaria si effettua dall’alto, da sopra il tetto, in quanto si può sfruttare la forza di gravità e spingere verso il basso le incrostazioni di fuliggine per poi raccoglierle alla base. Questo facile concetto però nasconde dietro di sé il problema della sicurezza dell’operatore che si muove sul tetto e che se non correttamente protetto rischia di cadere con i conseguenti danni per se stesso e RESPONSABILITÀ per il proprietario di casa (committente) come previsto dalla normativa italiana. Per questo motivo è fondamentale rivolgersi a ditte specializzate che oltre saper pulire correttamente la canna fumaria siano in grado di accedere e lavorare in sicurezza sul tetto. Anche in questo caso la tecnica del lavoro in fune permette di eseguire questi interventi in totale sicurezza evitando l’impiego di macchinari (piattaforme elevabili) o ponteggi.

Accesso al tetto in sicurezza con l’uso di scala e sistema anti caduta a scorrimento su fune.

Pulizia canna fumaria in sicurezza; l’operatore è assicurato alla fune con sistema anti caduta.

Vertigo Works e la potatura degli
Alberi ad Alto Fusto Adulti

In natura gli alberi crescono bene senza l’intervento dell’uomo, ma in ambiente urbano richiedono un’adeguata cura e manutenzione per garantire la sicurezza di tutte le persone che frequentano l’area. La potatura è uno dei più comuni interventi di cura dell’albero, ma deve essere eseguita esclusivamente da personale esperto che saprà riconoscere la risposta dell’albero ad ogni singolo taglio. Infatti, potature mal eseguite, causano gravi danni che minano la salute dell’albero riducendone l’aspettativa di vita e mettono a rischio la sicurezza dei fruitori dell’area in cui l’albero si trova. Potature appropriate, fatte rispettando la biologia dell’albero, mantengono l’albero in buona salute, ne garantiscono una corretta crescita e ne aumentano la sicurezza. La potatura, per non arrecare danno all’albero va eseguita solitamente in inverno appena prima del risveglio vegetativo, poiché la chiusura delle ferite è più veloce nel periodo primaverile quando l’albero è in grado di produrre molti nuovi tessuti.

01663_vertigoworks-foto-01

PRINCIPALMENTE SI DISTINGUONO 4 TIPOLOGIE DI POTATURA

Potatura di rimonda: per eliminare rami morti o che stanno morendo, in eccesso, mal inseriti o con scarsa vigoria.
Potatura di alleggerimento: per aumentare la luminosità all’interno della chioma, ridurre la forza d’impatto del vento, diminuire il peso delle branche e conservare la forma naturale dell’albero.
Spalcatura: per eliminare i rami più bassi che possono essere d’intralcio.
Potatura di riduzione: per contenere lo sviluppo verticale e laterale e per impedire che i rami possano raggiungere le linee elettriche. Per questo tipo di potatura è bene eseguire, sempre, tagli di ritorno, ossia, subito oltre un ramo secondario di adeguate dimensioni. Questa tecnica, a differenza della capitozzatura e della speronatura, consente di mantenere integra la struttura e la forma dell’albero.

La capitozzatura invece è il taglio indiscriminato del fusto, delle branche primarie o di grossi rami. È una tecnica sbagliata di potatura degli alberi, che genera grosse sofferenze per l’albero e maggiori pericoli per le persone e le cose che vi si trovano attorno.

L’intervento di potatura di un albero è “un’arte” che richiede da parte di chi la esegue una profonda conoscenza sulla biologia dell’albero, conoscenza che può essere acquisita esclusivamente a seguito di studi approfonditi e specifici, quali studi universitari o altri titoli riconosciuti a livello nazionale e internazionale. Non è comprando o noleggiando una motosega e una piattaforma aerea che si diventa cultori degli alberi.

Riferimenti bibliografici per la redazione dell’articolo tratti da Società italiana di Arboricoltura.

01666_vertigoworks-foto-05

Vertigo Works si Conferma Ancora una Volta
il Leader dei Lavori in Fune
in Tutti i Settori

 Vertigo Works si conferma ancora una volta il leader dei lavori in fune in tutti i settori! Non solo manutenzioni su grandissimi alberi, gli alpinisti in fune ci sorprendono installando a 40 metri di altezza, nel centro del cuore cittadino, 2500 metri quadrati di rete anti volatiti sulle facciate est ed ovest del Policlinico Ospedaliero di Padova. Al team di Vertigo Work è stato commissionato un incarico difficile e delicato: liberare dai nidi e dallo sporco dei volatili le pareti esterne dell’edificio ospedaliero. I piccioni sostavano all’interno della struttura metallica parasole posta davanti alle facciate della struttura creando un grosso problema di pulizia, igiene e decoro. Come veri “uomini ragno” attraverso la tecnica del lavoro in fune, praticata in totale sicurezza grazie alla formazione continua del titolare Alberto, sono riusciti a compiere un lavoro che senza il loro contributo avrebbe creato disagio e disturbo tra i pazienti ricoverati in cura al policlinico

Inoltre, senza la tecnica del climbing si sarebbero dovute installare delle impalcature o delle piattaforme aeree, sistema molto più ingombrante, rumoroso e costoso per l’ospedale e quindi per tutti noi. L’operazione in fune ha permesso di ridurre i tempi di cantiere, con ovvie ricadute positive sul bilancio e sulla fruizione dello stabile. La tecnica del lavoro in fune ci dimostra ancora un volta la sua efficacia ed efficienza, da scegliere non come opzione, ma come certezza per la perfetta riuscita di lavori in quota di manutenzione e pulizia.

Senza-titolo-2

Allontana Volatili ed Animali Molesti
con la Tecnica del Lavoro in Fune

La tecnica del lavoro in fune (o in corda) è forse conosciuta esclusivamente per le immagini in qualche film americano dove qualche “impavido” appeso a delle corde si occupa della pulizia dei vetri esterni di qualche grande grattacielo. Effettivamente i primi usi di tale “tecnica di lavoro”, perché è di questo che si parla, una “tecnica” e non un lavoro specifico, erano riservati a tale scopo e alla messa in sicurezza di versanti di montagne che franavano su strade (disgaggi) mettendo a rischio la sicurezza degli automobilisti.

Oggi tale tecnica di lavoro è stata riconosciuta dalle legge, non solo italiana ma anche Europea e Internazionale. I suoi campi di applicazione sono fra i più svariati, tutti basati sul principio che molto spesso si rischia di spendere più soldi, tempo e disturbo nell’uso di macchinari o strutture per salire in quota (per non parlare di rumore, inquinamento, odore, ecc. che fanno alcuni macchinari) che non nella lavorazione che poi si deve eseguire. Pensiamo ad esempio la stuccatura su una facciata, una sigillatura di un vetro a vari metri da terra, la pulizia, ecc. tutte mansioni che richiederebbero attrezzature ingombranti, costose e rumorose e che invece con la tecnica del lavoro in fune possono essere realizzate velocemente, senza rumori, odori, né ingombro al suolo, e in completa sicurezza e a norma di legge.

Il “lavoratore in fune” si presenta quindi come un esperto nell’uso delle funi, corde, per accedere ai luoghi più disparati e diversi a fare interventi di manutenzione ordinaria che dipendono poi dalle competenze del lavoratore stesso (cambiare un faro, tinteggiare, stuccare, pulire, sostituire, ecc.). Uno degli utilizzi della tecnica del lavoro in fune che sta prendendo piede negli ultimi anni soprattutto nelle città e nei paesi storici riguarda l’installazione di dissuasori di vario genere per i volatili, per lo più colombi, che si annidano nei luoghi più impensabili, creando disturbo e sporcizia. Si passa dalla semplice installazione delle classiche punte metalliche, a reti di chiusura per angoli, scalini, anfratti, all’installazione di dissuasori meccanici o elettronici. Anche in questo caso non risulta essere l’installazione del dispositivo la parte complessa del lavoro, ma l’accesso e le movimentazione in sicurezza tramite le funi. Molto spesso tale tecnica, anche su campanili, torri, coperture, ponti, ecc. permette di accedere rapidamente, in completa sicurezza, e senza ingombro alcuno al suolo evitando i costi e i problemi di occupazione del suolo pubblico, rendendo il lavoro veloce ed economico.

vertigo

I Lavori in fune
al servizio dei Siti Artificiali

Il Tree Climbling, il lavoro in fune su alberi, in Italia è utilizzato solamente da pochi anni ma si è già aggiudicato il primato come tecnica non invasiva, ecologica e sicura. Il lavoro in fune in siti artificiali come case, coperture, vetrate e silos risulta ancora poco conosciuto alla maggior parte delle persone, ma non ad Alberto Barbirato che con Vertigo Works da molti anni si occupa di interventi in siti artificiali tramite la tecnica del lavoro in fune riconosciuta e normata dal D.Lgs. 81\08. Gli esempi più in auge di lavori con le funi, e forse gli unici conosciuti, riguardano la pulizia di grandi facciate di vetro di grattacieli, ma in realtà questa è solo una delle svariate attività che si possono svolgere. Questa tecnica permette di realizzare interventi di manutenzione evitando l’uso delle classiche impalcature, delle piattaforme elevabili o di altri sistemi invasivi classici, costosi e non sempre così sicuri come si potrebbe pensare.

I vantaggi del lavoro in fune nei siti artificiali:

– Contenimento dei costi;
– Nessun utilizzo di impalcature
o piattaforme elevabili;
– Bassissimo impatto ambientale;
– Nessun ingombro al suolo
– Minor impatto visivo su facciate.

vertigo-works

Quante volte ci si è posto il problema di come pulire e sistemare le grondaie, la canna fumaria e le vetrate di casa. Vertigo works senza alcuna impalcatura o scale, in totale sicurezza si prende cura della vostra casa con servizi di pulizia esterna di vetri e finestre, lucernari, pareti vetrate, pannelli solari, silos, grondaie, pale eoliche. La manutenzione del tetto e delle coperture è sempre un intervento

difficile e rischioso se non ci si affida ad un esperto. Alberto Barbirato si occupa di sostituzione e riposizionamento di coppi e tegole su coperture e tettoie, sigillature di piccole infiltrazioni, ritocchi su verniciature o intonaci. Massima sicurezza e professionalità anche per interventi in tralicci, silos e ciminiere.

Altri interventi che si possono realizzare con la tecnica del lavoro in fune:

– Installazione di dissuasori per volatili;
– Rimozione di nidi e vegetazione infestante da pareti di torri, castelli e mura storiche;
– Sgombero da neve o vegetazione su coperture e tettoie;
– Disgaggi e messa in sicurezza di pareti rocciose.

Per garantire un ottimo risultato negli interventi in fune in siti artificiali, quali case, dimore storiche e coperture, bisogna affidarsi a specialisti del settore, come la ditta Vertigo Works che garantisce sempre una forza lavoro qualificata, preparata nell’esecuzione, con un’ottima formazione professionale e in tecniche di sicurezza.

Il Tree climbling

Il Tree Climbling è una tecnica di arrampicata degli alberi che utilizza le funi come sistema di sicurezza. Viene usata per lavori sugli alberi ornamentali, nei parchi, ed in ambito urbano, così da raggiungere in sicurezza ogni tipo di albero senza l’uso di piattaforme aeree. L’utilizzo delle funi permette di operare in sicurezza, nei lavori di ispezione, potatura, consolidamento, ed abbattimento controllato. Alberto Barbirato da sempre un amante della natura, si è laureato nel 2004 in Scienze Naturali all’Università degli Studi di Padova con votazione 110 e lode. La montagna, lo sport e la volontà di aiutare il prossimo sono nel suo spirito e pratica da molti anni alpinismo, trekking, arrampicata sportiva ed è operatore del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico. Ha frequentato e superato vari corsi di abilitazione per lavori in funi in siti naturali, artificiali ed alberi. La sua formazione universitaria, inoltre, gli fornisce le conoscenze per meglio comprendere le necessità e le problematiche dei siti naturali ed artificiali.

Il Tree climbling,
una tecnica al servizio degli alberi
e di siti artificiali:

Tree Climbling

  È riconosciuto con normative di sicurezza nazionali, ed offre una totale sicurezza al committente, a cose o persone (decreto 81 del 2008, testo unico sulla tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro).

  Ha un bassissimo impatto ambientale: evitare l’uso di piattaforme o camion significa eliminare rumore ed inquinamento.

  Vengono utilizzate specifiche attrezzature da lavoro, come il seghetto a lama giapponese, che permette di avere un taglio netto e preciso. Tutti gli attrezzi vengono disinfettati dopo ogni lavoro, così da non propagare malattie e mantenere in salute la pianta.

  Permette di realizzare interventi di manutenzione edile (pulizia di canne fumarie, vetrate, tetti e coperture, rimozione di vegetazione) evitando l’uso di impalcature, piattaforme elevabili o di altri sistemi ingombranti e costosi, non sempre così sicuri come si penserebbe.

  È consigliato anche per piante a basso fusto, perché evita l’uso di scale o sostegni che non offrono un’adeguata sicurezza. La possibilità di lavorare all’interno della chioma dell’albero fa del Tree Climbling la tecnica migliore per la cura, la manutenzione e la valorizzazione delle piante.

La formazione e l’esperienza di Alberto, unite ad un assiduo studio di botanica,
lo hanno portato a scegliere il Tree Climbling come tecnica di lavoro per offrire un servizio attento ed accurato, in totale sicurezza,
secondo le esigenze del cliente ed in armonia con il bene comune del verde.

 

Tipologie di Lavoro:

  • Potature e abbattimenti controllati in Treeclimbing
  • Valutazioni di stabilità
  • Gestione completa dell’intervento anche dal punto di vista burocratico presso le Amministrazioni competenti
  • Interventi su pareti sia naturali che artificiali: manutanzione coperture, pulizia grondaie, pulizia canne fumarie, pulizia pannelli, solari e vetrofacciate, manutenzioni ordinarie su facciate
  • Accesso a siti naturali e artificiali in quota senza l’ausilio di ponteggi né di piattaforme 

Gallery

Contattami
Alberto Barbirato
Tel. +39 3396505805

www.vertigoworks.it
albertobarbirato@libero.it
albertobarbirato@pec.it