Home » Evento » Apertura Cripta del Monastero degli Olivetani – Monte Venda

Apertura Cripta del Monastero degli Olivetani – Monte Venda

Sto caricando la mappa ....

Data e Ora
01 aprile
07:00 - 19:00

Luogo
Monastero degli Olivetani

Categoria


Apertura della Cripta
al Monastero degli Olivetani
sul Monte Venda

Finalmente è possibile visitare la piccola
Cripta sotterranea 
ogni domenica! 

olivetani_web
Il Monte Venda, il più alto tra i Colli Euganei e l’unico “vero” monte, è noto per le rovine di un antico monastero, detto “degli Olivetani”, che si trovano ad alta quota, sul versante orientale del monte.

olivetani2_web

Questa interessante testimonianza, sopravvissuta alle intemperie e al passare del tempo, ci riporta nel Medioevo, quando non erano pochi i colli che ospitavano chiese, eremi e monasteri.

Già nel 1197 è documentata la prima presenza di religiosi sul Venda. All’inizio del Duecento esistevano nel luogo due chiese: la più antica dedicata a San Michele (di cui non è rimasta traccia) e l’altra costruita da due monaci benedettini e dedicata a San Giovanni Battista che crebbe e prosperò a lungo grazie alla protezione e alle donazioni da parte della famiglia Maltraversi (o Da Castelnuovo), la stessa che aveva fondato l’abbazia di Praglia secoli prima.

Nel 1380 il monastero di San Giovanni Battista affrontò una fase di crisi e il Vescovo di Padova decise di affidare la comunità del Venda ai monaci Olivetani, una nota congregazione benedettina di origine toscana. Il Monastero tornò così all’antico splendore e fu ampliato.

ruderi-monastero-olivetani-venda_web

Nel 1771, però la Repubblica di Venezia decretò la soppressione dei monasteri con pochi monaci e ciò determinò la fine della comunità del Venda. I monaci si trasferirono a Venezia e tutti i possedimenti vennero messi all’asta e vennero acquistati dalla famiglia Erizzo. Le strutture, usate come riparo per pastori, caddero in rovina rapidamente e rimase ciò che vediamo oggi: parti della chiesa, la torre campanaria e la cripta, recentemente restaurata.