Home » Evento » La fioritura del Fico d’India sul Monte Ceva

La fioritura del Fico d’India sul Monte Ceva

Sto caricando la mappa ....

Data e Ora
03 giugno
09:45 - 12:30

Luogo
Ritrovo Trekking Colli Euganei

Categoria


La fioritura del Fico d’India
& La macchia mediterranea
del Ceva [DOMENICA 3 GIUGNO, ORE 8.45]

N.B.
Tutti coloro che partecipano all’evento dichiarano di aver preso conoscenza, e di accettare le seguenti clausole:

1 – l’uscita è un aggregazione libera e l’organizzazione non si assume alcuna responsabilità per eventuali danni ai partecipanti ed a terzi, né prima, né durante, né dopo l’uscita.
2 – Ogni partecipante è consapevole delle difficoltà del percorso e del proprio grado di allenamento ed è responsabile dei rischi a cui si espone, e dovrà compiere l’uscita in autosufficienza e secondo le proprie capacità.
3 – L’escursione è occasione di piacevole condivisione, ci si aspetta collaborazione e impegno da parte tutti, e responsabilità propria.
4 – Lo spirito dell’iniziativa e’ quello di godere delle bellezze del territorio ma anche della reciproca compagnia, si richiede quindi di mantenere il gruppo unito durante l’intera gita.
5 – In particolar modo quando il gruppo sia particolarmente numeroso, si richiede di non allontanarsi, non solo per rispetto e solidarietà reciproci, ma anche per maggior sicurezza di tutti.

VI ASPETTO NUMEROSI A QUESTA MAGNIFICA ESCURSIONE, UNA DELLE PIU BELLE DEL REPARTO EUGANEO! MI RACCOMANDO, NON MANCATE!

NEL DETTAGLIO: Muovendoci dalla Chiesa di TURRI ALTO percorreremo un pezzo di strada asfaltata sino ad arrivare al Passo del Turri per svoltare successivamente a sinistra per Via Monte Ceva (contornata da una bella siepe e dall’incantevole panorama che troveremo sulla nostra destra). Poco dopo inizieremo a salire (sempre sulla sinistra) portandoci velocemente in quota, sino ad arrivare a un crocicchio di sentieri. Al bivio gireremo nuovamente a sinistra (dove noteremo la croce di vetta), e inizieremo a salire sino alla bellissima cima del Monte Ceva.

Dopo essere saliti alla Cima del Monte Ceva, in breve arriveremo all’anticima, dove noi proseguiremo e scenderemo per tutta la cresta (che dal Ceva, passa per il Montenuovo, fino a sbucare ad un Rudere dove ha inizio la proprietà del Castello del Catajo. Una piccola nota introduttiva sulla storia di questo luogo: Il castello del Catajo è un edificio 350 stanze, ed è situato ai piedi del Montenuovo.

E’ stato costruito tra il 1570 e il 1573 per volere del condottiero della Repubblica di Venezia Pio Enea I degli Obizzi, e su progetto dell’architetto Andrea da Valle (mentre la parte più alta del Castello si deve invece ad un’aggiunta del XIX secolo). Inoltre la parte più vecchia (risalente al ‘500 viene chiamata castel vecchio, mentre quella più nuova castel nuovo). Nei secoli fu dimora imperiale, palazzo ducale, castello e casa delle vacanze. Difatti l’edificio fu concepito come residenza privata dalla madre di Pio Enea. Dopo aver introdotto nella descrizione del percorso tutto ciò scenderemo giù sul bellissimo Ferro di Cavallo dove noi lo percorreremo per un breve tratto, prima di imboccare il sentiero che ci riporterà in quota, ad ammirare il balcone panoramico più bello dei Colli Euganei! Il percorso si snoderà tra uno dei luoghi più suggestivi dei Colli: da una parte immersi tra la macchia mediterranea ed il paesaggio, mentre dall’altra ammireremo le roccie latitite, che come delle falesie scendono dal Ceva! Tutta la Dorsale delle Creste, dalla pianura orientale come un anfiteatro semicircolare di colline, le cui cime non superano i 255 mt di altezza. La rilevanza del gruppo è legata alla sua particolare costituzione geologica, che unitamente al microclima dell’area ha permesso il formarsi di un’oasi naturale di eccezionale valore botanico. Esemplificativa della straordinaria unicità di quest’area naturale è l’inconsueta convivenza del fico d’India (Opuntia compressa) notoriamente amante del caldo, con il Semprevivo ragnateloso (Sempervivum arachnoideum), che è invece un relitto glaciale. Difatti queste due piante le ammireremo da vicino, con la bellissima fioritura dei fiori gialli (del fico d’india). Inoltre ammireremo in tutta la sua bellezza, l’Agave! L’escursione è stata studiata accuratamente dal sottoscritto per farvi ammirare questa meraviglia! Dopo essersi soffermati su tutto ciò, piegheremo a destra e scenderemo per un sentierino che ci riporterà alla Chiesa!

[Io ritengo che questo tipo di percorso che porta a costeggiare le rocce e le pareti di latite come in un anfiteatro maetosto, sia il più bello, non solo a livello paesaggistico, ma anche a livello di flora, e tanto altro ancora! Difatti questo sentiero si distacca dagli altri perchè “diverso”.

VI RICORDO CHE SALENDO CI sarà UN PEZZO DI CORDINO PER AIUTARSI A SALIRE.

REQUISITI NECESSARI PER LA PARTECIPAZIONE ALL’ESCURSIONE:

° – ORARIO DI RITROVO 8.45, PARTENZA 9.00, RIENTRO 12.00 CA. [SALVO EVENTUALI IMPREVISTI]. DIFFICOLTA’ ESCURSIONE: M [MEDIA DIFFICOLTA’]. —> 6 / 6.5 KM CA.

Si raccomanda la MASSIMA PUNTUALITA’: PER CHI ARRIVA DOPO NOI SAREMMO GIA’ PARTITI.

° – RITROVO: Parrocchiale del SS. Rosario – Via Scagliole – Turri di Montegrotto Terme.

° – RELATIVO LINK GOOGLE MAPS: https://goo.gl/maps/fhcD3TjAa9A2

° – Si consigliano , se possibile, SCARPE IDONEE per l’escursione, ed UNO ZAINO E QUALCOSA DA BERE (FACOLTATIVO).

Fatemi sapere entro SABATO SERA (2 GIUGNO), chi parteciperà o meno all’escursione.

Info e prenotazioni per la “Partecipazione”, per la “Quota Partecipativa dell’Escursione” e per “l’Assicurazione” al numero 342 1449884 (Alberto).

Grazie, buona giornata!

ALBERTO GIOMO – C.F. GMILRT91T21A001T – P.IVA 05056200289.